LeoBrogioni blog

fotografia, fotogiornalismo, giornalismo, mass media

05 gennaio 2007

L’immagine infedele. La falsa rivoluzione della fotografia digitale

Ricevo e pubblico

Mercoledì 10 gennaio 2007 alle ore 18.00
neon>campobase ospita la presentazione del libro di Claudio Marra, L'IMMAGINE INFEDELE. La falsa rivoluzione della fotografia digitale, recentemente edito da Bruno Mondatori.
L'avvento della tecnologia digitale sembra aver sconvolto il nostro modo di concepire la fotografia, sia dal punto di vista tecnico che da quello teorico. Ma questo passaggio epocale coincide davvero con una rivoluzione? La fotografia ha veramente trasformato la propria identità?
Pur senza scagliarsi contro la fotografia digitale, Claudio Marra, docente di Storia della fotografia al DAMS di Bologna, propone un confronto originale fra le due tecnologie, per tornare a riflettere su questioni fondamentali e ancora vivissime per l'identità della fotografia quali il rapporto fra realtà e rappresentazione, il ruolo e la responsabilità dell'autore, la delicata relazione con l'arte e i complessi legami con il mondo dell'informazione e della comunicazione.
Il volume è completato da brevi schede dedicate ad una campionatura di autori dai lavori dei quali Marra ricava ulteriori spunti di riflessione sulle problematiche aperte dal digitale. Le opere di due di essi – Daniela Comani e Francesco Nonino – saranno esposte negli spazi della galleria fino al 22 gennaio.

Di Daniela Comani verrà presentata una serie di foto tratte dalla serie: Eine glückliche Ehe/Un matrimonio felice, 2003-06, work in progress (messa in scena di sé stessi, fotomontaggio digitale, Piezo prints su Photo Rag Hahnemühle 310 gr., cad. 50x60cm)
In questi fotomontaggi è l'artista stessa il soggetto del lavoro, autoritratta due volte: nel ruolo di marito e in quello di moglie, rappresentati come felice coppia sposata.
Non si tratta di stilizzazione sessuale o di travestimento. I vestiti e gli accessori che Daniela Comani indossa nelle riprese fanno parte del suo guardaroba quotidiano. I volti non sono stati manipolati al computer, mimica e portamento determinano, assieme a barba e trucco, la riuscita dei due differenti ruoli. L'identità sessuale svapora nel gioco di differenze minimali.

Di Francesco Nonino sarà esposta un'ampia selezione di foto (Lambda print montate su alluminio, 50x50cm) tratta dalla serie Hortus Pictus, un progetto ispirato alla vita e all'opera di Ulisse Aldrovandi. Ripetendo il gesto di Aldrovandi di pressare le piante per essiccarle e conservarle, l'artista ha proceduto a realizzare poi scansioni dirette degli esemplari raccolti (piante comuni, anonime, raccolte ai bordi delle strade) inserendoli nello scanner. Mentre alla definizione botanica viene sostituita l'indicazione generica del sito del prelievo, la pratica diretta dello scanner che consente di riprodurre l'immagine al massimo grado di aderenza e di fedeltà genera una sorta di "immagine definitiva", rilevata in completezza di corrispondenza a ciò che presumiamo essere reale.

Alla presentazione interverrà Fabiano Fabbri, docente di Tecniche dell'arte contemporanea presso il corso di Laurea DAMS di Bologna

La mostra sarà aperta dal 10 gennaio al 22 gennaio 2007

La galleria è aperta al pubblico nei giorni feriali dalle 11.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00 e su appuntamento

neon > campobase
via zanardi 2/5 40131 bologna
+39 051 5877068
info@neoncampobase.com

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 10:45

0 Comments:

Aggiungi un commento