LeoBrogioni blog

fotografia, fotogiornalismo, giornalismo, mass media

26 marzo 2006

Perchè viaggiamo

Molto più interessante dell'iniziativa de la Repubblica "Mandaci la tua foto", è quella del New York Times intitolata “Why we travel” che attraverso le immagini e le sottostanti didascalie inviate dai lettori protagonisti (tutti fotografi per diletto o per passione, ma non per professione) tenta di dare una risposta alla domanda sul perchè del viaggio. Niente introduzioni che si arrampicano sugli specchi per spiegare l'operazione: evidentemente negli Stati Uniti non c'è bisogno di sottolineare l'importanza delle immagini nella società, nella memoria e nell'editoria; e basta guardare la qualità delle foto scelte per averne conferma. Bella varietà di immagini e di testimonianze su un tema che interessa tutti: alla faccia de la Repubblica!

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 23:38 || link || (1) commenti || ||

Being prepared for your luck

Anche se in ritardo segnalo ugualmente il blog del fotografo statunitense Scott Strazzante, dove si raccontano esperienze professionali, impressioni, opinioni sul lavoro che il fotogiornalista ha svolto durante le Olimpiadi invernali di Torino 2006 per il Chicago Tribune. Per sapere che l'autore non è l'ultimo arrivato nel settore basta leggere la sua biografia sulla colonna a destra nella home page. Tra tutte quelle scritte da Strazzante riporto questa frase che trovo ineccepibile:
"As a photographer, sometimes you are prepared and sometimes you are lucky. The key is being prepared for your luck."
Degno di nota anche il blog di John Lehmann, un altro fotografo di staff ma del canadese Globe and Mail: meno considerazioni scritte, ma le molte immagini pubblicate raccontano bene la quotidianità professionale (anche il curriculum di Lehmann non è proprio da buttar via).
Il primo è da leggere, il secondo da guardare.

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 23:08 || link || (0) commenti || ||

18 marzo 2006

XL per Vendetta

Quando la pubblicità supera la fantasia: sopra la locandina del film V per Vendetta, sotto la copertina di XL rivista mensile supplemento di Repubblica. Le due immagini sono apparse negli stessi giorni su vari spazi pubblicitari: dagli autobus alle riviste, dai quotidiani alle televisioni. L'una pubblicizzava il film, l'altra la rivista ... no ... l'altra pubblicizzava il film e l'una la rivista ... no, dunque, com'era ... tutte e due pubblicizzavano il film, ma anche la rivista e quindi ... tutte e due pubblicizzavano la rivista e dunque anche il film ... insomma qualcosa del genere.

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 22:40 || link || (1) commenti || ||

Perdete la faccia

Appello di Repubblica.it a lettori e navigatori: Mandate il vostro autoscatto all'indirizzo: fotografie@repubblica.it Le foto più significative saranno pubblicate sul sito e su La Domenica di Repubblica.
Una firma illustre presenta l'iniziativa: Michele Serra scrive un pezzo intitolato Salvate la vostra faccia e mandatela a Repubblica. Sottotitolo: Dieci anni fa scattare una foto era un momento impegnativo. Oggi lo scatto e l'autoscatto sono comportamenti normali: siamo sempre in posa.
Ne cito un pezzo: (...) Oggi le nostre facce sono in onda e in rete come una folla incontrollabile, un cast che si è ribellato ad ogni tipo di regia e invade ogni spazio e ogni tempo, si rimane impressi nella virtualità elettronica con una velocità e una disinvoltura che cancellano il concetto stesso di "mettersi in posa", siamo sempre in posa perché sempre riproducibili. Si sono moltiplicati a dismisura gli occhi in grado di rubarci la faccia, occhi elettronici e occhi miniaturizzati, non più soltanto l'apposito e specializzato apparecchio fotografico, ma tutta una miriade di oggetti e oggettini elettronici che hanno cento altre funzioni, e quella di replicare l'immagine è solo una delle tante, smitizzata, incidentale.
Nonostante questo gli occhi sgranati di fronte ad un fotografo, o reazioni esagerate nei confronti di chi sta riprendendo qualcuno, sono all'ordine del giorno. La diffidenza è sempre nei confronti del professionista, mai verso il fotografo dilettante o il turista. Gli ostili alla ripresa fotografica sono poi gli stessi che si mettono in posa davanti alla telecamera o addirittura vanno a cercarla per garantirsi due secondi di passaggio televisivo con saluto alla moglie che li sta guardando da casa. E sono anche quelli che - forse - non sanno di essere ripresi, seguiti, registrati, controllati 24 ore su 24 grazie a telefonini, carte di credito, telecamere a circuito chiuso, autovelox, bancomat, abbonamenti elettronici per i mezzi pubblici, fidaty card, telepass, antifurti satellitari, badges, internet, decoder, smart card e tessere elettroniche varie (palestra, blockbuster, biblioteca, ecc ecc). Contraddizioni virtuali? Da approfondire.

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 22:11 || link || (0) commenti || ||

15 marzo 2006

View my profile

Etichette:

|| Leo Brogioni, 09:35 || link || (0) commenti || ||

Foto del tubo: nuovo osservatorio su fotoinfo.net

Nuovo osservatorio intitolato "Foto del tubo" pubblicato da Fotografia&Informazione, a firma di Marco Capovilla.
Il tema è quello delle "foto pressapoco", scrive Capovilla: una "foto pressappoco" è quell’immagine che viene impaginata quando in redazione si cerca, senza troppa convinzione e con scarso entusiasmo, una fotografia tappabuchi che “parli più o meno” del tema al quale si deve accompagnare. Da leggere.

Etichette:

|| Leo Brogioni, 09:20 || link || (0) commenti || ||

14 marzo 2006

Annunzioni

Mi sembra che il commento più sensato al battibecco Berlusconi-Annunziata sia quello di Giulietto Chiesa su MegaChip.

Etichette:

|| Leo Brogioni, 22:59 || link || (0) commenti || ||

W l'Italia

Come ho già scritto qualche mese fa: il giornalismo di inchiesta fa audience!
Lo dimostrano gli ascolti di W L'ITALIA, serie di inchieste ottimamente realizzate da Riccardo Iacona (da far vedere nelle scuole di giornalismo e comunicazione): oltre 3 milioni di spettatori e più del 12% di share.
Sul sito di Articolo21 trovate un'
intervista all'autore. Il comunicato stampa del programma lo potete leggere cliccando qui.
Seguite le prossime puntate: domenica in prima serata su RaiTre.

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 22:32 || link || (0) commenti || ||

Previsioni Pulitzer

Editor&Publisher ha pubblicato un articolo con i nomi dei favoriti della prossima edizione del Premio Pulitzer (che si assegnerà il 17 Aprile): riporto l'elenco relativo alle sezioni fotografiche, così tra un mesetto potete verificare se ci hanno preso o no.

SPOT NEWS PHOTOGRAPHY
Los Angeles Times (Gaza pullout)
Dallas Morning News (Katrina)
The Associated Press (Katrina)

FEATURE PHOTOGRAPHY
Los Angeles Times (Catholic priests in Alaska)
Rocky Mountain News ('Final Salute')
South Florida Sun-Sentinel (Holocaust survivor)

Etichette:

|| Leo Brogioni, 22:04 || link || (0) commenti || ||

12 marzo 2006

Legge 645 del 1952 (legge Scelba)

Legge n. 645 del 1952 (legge Scelba):
Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 giugno 1952, n. 143.
1. Riorganizzazione del disciolto partito fascista.
-Ai fini della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione, si ha riorganizzazione del disciolto partito fascista quando una associazione, un movimento o comunque un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista, esaltando, minacciando o usando la violenza quale metodo di lotta politica o propugnando la soppressione delle libertà garantite dalla Costituzione o denigrando la democrazia, le sue istituzioni e i valori della Resistenza, o svolgendo propaganda razzista, ovvero rivolge la sua attività alla esaltazione di esponenti, principi, fatti e metodi propri del predetto partito o compie manifestazioni esteriori di carattere fascista.
2. Sanzioni penali.
- Chiunque promuove, organizza o dirige le associazioni, i movimenti o i gruppi indicati nell'articolo 1, è punito con la reclusione da cinque a dodici anni e con la multa da 2.000.000 a 20.000.000 di lire (3/a) (4). Chiunque partecipa a tali associazioni, movimenti o gruppi è punito con la reclusione da due a cinque anni e con la multa da 1.000.000 a 10.000.000 di lire (1) (2). Se l'associazione, il movimento o il gruppo assume in tutto o in parte il carattere di organizzazione armata o paramilitare, ovvero fa uso della violenza, le pene indicate nei commi precedenti sono raddoppiate (2). L'organizzazione si considera armata se i promotori e i partecipanti hanno comunque la disponibilità di armi o esplosivi ovunque custoditi (2). Fermo il disposto dell'art.29, comma primo, del codice penale, la condanna dei promotori, degli organizzatori o dei dirigenti importa in ogni caso la privazione dei diritti e degli uffici indicati nell'art.28, comma secondo, numeri 1 e 2, del codice penale per un periodo di cinque anni. La condanna dei partecipanti importa per lo stesso periodo di cinque anni la privazione dei diritti previsti dall'art.28, comma secondo, n. 1, del codice penale. (1) La misura della multa è stata così elevata dall'art.113, quarto comma, L. 24 novembre 1981, n. 689, la sanzione è esclusa dalla depenalizzazione in virtù dell'art.32, secondo comma, della legge sopracitata. (2) Gli attuali commi dal primo al quarto così sostituiscono gli originari primi tre commi per effetto dell'art.8, L. 22 maggio 1975, n. 152.
3. Scioglimento e confisca dei beni.
- Qualora con sentenza risulti accertata la riorganizzazione del disciolto partito fascista, il Ministro per l'interno, sentito il Consiglio dei Ministri, ordina lo scioglimento e la confisca dei beni dell'associazione, del movimento o del gruppo (3). Nei casi straordinari di necessità e di urgenza, il Governo, sempre che ricorra taluna delle ipotesi previste nell'art.1, adotta il provvedimento di scioglimento e di confisca dei beni mediante decreto-legge ai sensi del secondo comma dell'art.77 della Costituzione. (3) Comma così sostituito dall'art.9, L. 22 maggio 1975, n. 152.
4. Apologia del fascismo.
- Chiunque fa propaganda per la costituzione di una associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità indicate nell'articolo 1 è punto con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da lire 400.000 a lire 1.000.000 (1). Alla stessa pena di cui al primo comma soggiace chi pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche. Se il fatto riguarda idee o metodi razzisti, la pena è della reclusione da uno a tre anni e della multa da uno a due milioni (4). La pena è della reclusione da due a cinque anni e della multa da 1.000.000 a 4.000.000 di lire se alcuno dei fatti previsti nei commi precedenti è commesso con il mezzo della stampa (1). La condanna comporta la privazione dei diritti previsti nell'articolo 28, comma secondo, numeri 1 e 2, del c.p., per un periodo di cinque anni (5). (1) La misura della multa è stata così elevata dall'art.113, quarto comma, L. 24 novembre 1981, n. 689. La sanzione è esclusa dalla depenalizzazione in virtù dell'art.32, secondo comma, della legge sopracitata. (4) Comma così sostituito dall'art.4, D.L. 26 aprile 1993, n. 122. (5) Così sostituito dall'art.10, L. 22 maggio 1975, n. 152.
5. Manifestazioni fasciste.
- Chiunque, partecipando a pubbliche riunioni, compie manifestazioni usuali del disciolto partito fascista ovvero di organizzazioni naziste è punito con la pena della reclusione sino a tre anni e con la multa da 400.000 a 1.000.000 di lire (1). Il giudice, nel pronunciare la condanna, può disporre la privazione dei diritti previsti nell'articolo 28, comma secondo, numeri 1 e 2, del codice penale per un periodo di cinque anni (6). (1) La misura della multa è stata così elevata dall'art.113, quarto comma, L. 24 novembre 1981, n. 689. La sanzione è esclusa dalla depenalizzazione in virtù dell'art.32, secondo comma, della legge sopracitata. (6) Così sostituito dall'art.11, L. 22 maggio 1975, n. 152. 5-bis. - Per i reati previsti dall'articolo 2 della presente legge è obbligatoria l'emissione del mandato di cattura (7). (7) Articolo aggiunto dall'art.12, L. 22 maggio 1975, n. 152.
6. Aggravamento di pene.
- Le pene sono aumentate quando i colpevoli abbiano ricoperto una delle cariche indicate dall'art.1 della legge 23 dicembre 1947, n. 1453 (8), o risultino condannati per collaborazionismo ancorché amnistiati. Le pene sono altresì aumentate per coloro che abbiano comunque finanziato, per i fatti preveduti come reati negli articoli precedenti, l'associazione, il movimento, il gruppo o la stampa (9). (8) Recante norme sulla limitazione temporanea del diritto di voto ai capi responsabili del regime fascista. (9) Comma così sostituito dall'art.13, L. 22 maggio 1975, n. 152.
7. Competenza e procedimenti.
- La cognizione dei delitti preveduti dalla presente legge appartiene al tribunale. Per i delitti stessi si procede sempre con istruzione sommaria, salvo che ricorrano le condizioni per procedere a giudizio direttissimo ai sensi dell'art.502 del codice di procedura penale. In questo caso il termine di cinque giorni indicato nello stesso articolo è elevato a quindici giorni.
8. Provvedimenti cautelari in materia di stampa.
- Anche prima dell'inizio dell'azione penale, l'autorità giudiziaria può disporre il sequestro dei giornali, delle pubblicazioni o degli stampati nella ipotesi del delitto preveduto dall'art.4 della presente legge. Nel caso previsto dal precedente comma, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro dei giornali e delle altre pubblicazioni periodiche può essere eseguito dagli ufficiali di polizia giudiziaria, che debbono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, farne denuncia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro si intende revocato e privo di ogni effetto. Nella sentenza di condanna il giudice dispone la cessazione dell'efficacia della registrazione, stabilita dall'art.5, L. 8 febbraio 1948, n. 47, per un periodo da tre mesi a un anno e, in caso di recidiva, da sei mesi a tre anni.
9. Pubblicazioni sull'attività antidemocratica del fascismo.
- La Presidenza del Consiglio bandisce concorsi per la compilazione di cronache dell'azione fascista, sui temi e secondo le norme stabilite da una Commissione di dieci membri, nominati dai Presidenti delle due Camere, presieduta dal Ministro per la pubblica istruzione, allo scopo di far conoscere in forma obiettiva ai cittadini e particolarmente ai giovani delle scuole, per i quali dovranno compilarsi apposite pubblicazioni da adottare per l'insegnamento, l'attività antidemocratica del fascismo. La spesa per i premi dei concorsi, per la stampa e la diffusione è a carico dei capitoli degli stati di previsione della spesa per acquisto e stampa di pubblicazioni della Presidenza del Consiglio e del Ministero della Pubblica istruzione.
10. Norme di coordinamento e finali.
- Le disposizioni della presente legge si applicano senza pregiudizio delle maggiori pene previste dal codice penale. Sono abrogate le disposizioni della L. 3 dicembre 1947, n. 1546, concernenti la repressione dell'attività fascista, in quanto incompatibili con la presente legge. La presente legge e le norme della L. 3 dicembre 1947, n. 1546, non abrogate, cesseranno di aver vigore appena che saranno state rivedute le disposizioni relative alla stessa materia del Codice penale.

Etichette:

|| Leo Brogioni, 23:19 || link || (0) commenti || ||

07 marzo 2006

Interactive Narratives

Ho inserito tra i links Interactive Narratives, un ottimo sito dove potrete trovare inesauribili risorse sul giornalismo interattivo: da non perdere le sezioni "Photo Galleries & Stories" e "All Photographer's Journal".
Date retta a me: gustatevelo con calma e aggiungetelo ai vostri preferiti.

Etichette:

|| Leo Brogioni, 21:45 || link || (0) commenti || ||

05 marzo 2006

Follow Us

Un sito che permette a chiunque di "seguire" qualunque telefonino: basta una registrazione on line, prezzi modici. Spaventoso!

Etichette:

|| Leo Brogioni, 17:32 || link || (0) commenti || ||

riCover

Il titolo non mi riguarda - per adesso - ma è un'integrazione del post sulle copertine a disposizione on line: nel sito dell'ASME infatti sono visibili quelle che, secondo loro, sono le 40 migliori covers americane di tutti i tempi. Da guardare.

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 15:01 || link || (0) commenti || ||

Riguardo le città/Spazi dimenticati di A. Corvetti

Nell'ambito di RIGUARDO LE CITTA', rassegna di mostre fotografiche sul paesaggio urbano
pol!femo presenta
Antonietta Corvetti - Spazi dimenticati (Genova, 1995-2005)
in mostra dal 09 al 19 marzo 2006
Antonietta Corvetti ha documentato quegli spazi della città che di solito vengono ignorati, o perchè sempre sotto i nostri occhi o perchè nascosti. L'inquadratura e la luce restituiscono dignità e personalità a zone industriali e periferie: luoghi troppo visti che tornano alla memoria.
Inaugurazione:Giovedì 9 Marzo 2006, h. 18.30
Orario: dal Lunedì al Venerdì dalle 10 alle 18, Sabato su appuntamento
pol!femo > Fabbrica del Vapore > Via Luigi Nono 7 > Milano.
INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO:
pol!femo > 02.36521349 > info@polifemo.org

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 14:24 || link || (0) commenti || ||

04 marzo 2006

Riguardo le città

pol!femo ha organizzato RIGUARDO LE CITTA’: un ciclo di mostre fotografiche sul tema della rappresentazione della città: paesaggi urbani che cambiano rapidamente e dei quali spesso non resta altra memoria se non quella fotografica.
Si tratta di una serie di mostre personali i cui autori sono stati scelti dopo un lungo lavoro di selezione iniziato a Febbraio 2005 e terminato alla fine di Settembre 2005.Il criterio di selezione è stato improntato alla ricerca di giovani autori che abbiano lavorato sul tema del paesaggio urbano con un impiego del linguaggio fotografico talvolta derivante dalla tradizione dei fotografi paesaggisti italiani, talaltra tentando di superarlo, ma sempre con il preciso intento di rendere più attuale la visione del territorio.
RIGUARDO LE CITTA’ prevede 6 mostre personali, a partire dal Febbraio 2006 e fino a Giugno 2006.
Le prossime mostre:
Antonietta Corvetti > 09 - 19 Marzo 2006 > Spazi dimenticati (Genova)
Marcello Volpi > 04 - 14 Maggio 2006 > La città (im)probabile (Città di Castello)
Michele Nastasi > 25 Maggio - 08 Giugno 2006 > Geografie visive di Milano
Piccolo Gruppo Lento > 15 - 25 Giugno 2006 > Tu sei qui (Venezia)
Le mostre già svolte:
Massimiliano Foscati > 03 - 12 Febbraio 2006 > Rivedute italiane (varie città)
Fulvio Bortolozzo > 15 - 28 Febbraio 2006 > Olimpia (Torino)
Orario di apertura delle mostre: dal Lunedì al Venerdì dalle 10 alle 18, Sabato su appuntamento
Le mostre avranno luogo presso la sede di pol!femo alla Fabbrica del Vapore in Via Luigi Nono 7 a Milano.
INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO: pol!femo > 02.36521349 >
info@polifemo.org

Etichette: ,

|| Leo Brogioni, 21:55 || link || (0) commenti || ||

The Nation Magazine Cover Archive

"The Nation Magazine Cover Archive (NMCA) is a non-commercial 'hobbysite' devoted to helping keep inspirational magazine design alive. These are dark days for magazine design with homogenisation and closure of many well known (and loved) titles. Have you noticed how bland, safe and banal our newstands have been looking lately? Is this what you want? Hey consumers, vote with your feet! Don't let quality magazines die." — NMCA Editor
Come presentazione di un link mi sembra più che sufficiente: su The National Magazine Cover troverete le migliori copertine di Esquire, Fortune, I-D, Index, Vogue Paris e molti altri. Una buona risorsa.
Mi tocca quindi anche ricordare l'archivio del Time - dove troverete tutte le copertine della rivista a partire dal 1923 - e quello di Life, idem con patate.

Etichette:

|| Leo Brogioni, 19:30 || link || (0) commenti || ||

Sosta

Lo so che a voi dà fastidio vedere che il blog non è stato aggiornato da mesi, ma non potete sapere quanto invece a me faccia piacere: infatti se non scrivo significa che sto fotografando, se sto fotografando significa che sto lavorando, se sto lavorando vuol dire che sto guadagnando qualcosa. Ma se volete sapere quando inserisco nuovi post senza dover visiatre questa pagina web, iscrivetevi al blog, trovate il pulsante apposito sulla destra. A presto

Etichette:

|| Leo Brogioni, 19:21 || link || (0) commenti || ||